REGIONE MARCHE
GIUNTA REGIONALE
Servizio Agricoltura

 

Ai Comuni della Regione Marche
Alle provincie della Regione Marche
Alle ComunitÓ Montane
Alle OO.PP Agricole e Artigiane
Alle Camere di Commercio
Ai Parchi della Regione Marche
Ai Gruppi di Azione Locale
Alle AUSL
All'Assessorato alla SanitÓ

OGGETTO: Individuazione dei prodotti tradizionali di cui all'art. 8 comma 1, del decreto legislativo 30 aprile 1998, n. 173 - Attuazione D.M. n. 350 del 08/09/1999

Il D.M. n. 350/99 fissa le norme per l'individuazione dei prodotti tradizionali di cui all'art. 8, comma 1, del D.L. 30 aprile 1998, n. 173. La Regione Marche, con propria delibera n. 3437 del 29.12.99 pubblicata sul B.U.R. n. 4 del 13/01/2000, ha dato attuazione al D.M. n.350/99. Tale D.G.R. stabilisce che i prodotti tradizionali possono essere individuati su iniziativa regionale o su richiesta di soggetti terzi quali aziende agricole singole e associate, aziende di trasformazione, organizzazioni professionali agricole ed artigiane, Camere di Commercio, Comuni, Province, ComunitÓ montane ed altri enti pubblici ubicati nel territorio della Regione Marche.

Con successiva Circolare n. 10 del 21.12.99 il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, ha fornito ulteriori precisazioni e integrazioni al D.M. n. 350/99; in particolare, ribadisce il ruolo attivo di soggetti pubblici o privati nella presentazione delle istanze e prevede la compilazione di una scheda identificativa per ogni prodotto di cui si chiede l'iscrizione. E' prevista inoltre una seconda scheda da compilare nei soli casi di deroga previsti dall'art. 8, comma 2, del D.L. n. 173/98. Si inviano pertanto le suddette schede, predisposte secondo le indicazioni ministeriali, rimandando, per ulteriori ragguagli in merito alle modalitÓ di presentazione delle domande, alla citata D.G.R. n. 3437 del 29.12.99.

Le domande dovranno pervenire al Servizio Agricoltura, in Via Tiziano 44- 60100 Ancona, entro 35 giorni dal giorno successivo alla data di pubblicazione sul B.U.R. di tale D.G.R (17/02/2000).

Si richiama l'attenzione sull'importanza della presente in quanto solo con un'azione sinergica e coordinata tra i diversi soggetti che operano nel territorio Ŕ possibile garantire la sopravvivenza del nostro patrimonio dei prodotti tradizionali.

Per ulteriori informazioni Ŕ possibile rivolgersi direttamente al Servizio Agricoltura (tel. 071-8063633/8063645).

Con i migliori saluti.

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO
(Pier Arcadio Marcucci)