banners/foto_informacitta_2.jpg

Informa città

Informa città

Comunicati Stampa

Discarica: l'amministrazione si schiera con gli abitanti di Mazzangrugno

Una grande partecipazione di cittadini, a testimonianza di come sia sentito il problema, ha fatto da cornice all'assemblea pubblica svoltasi ieri sera a Mazzangrugno per affrontare congiuntamente tutti gli aspetti relativi all'ipotesi di localizzazione di una discarica nel territorio di Polverigi, ai confini con la frazione di Jesi. All'incontro, promosso dalla circoscrizione III Est presieduta da Giuseppe Di Lucchio, erano presenti gli assessori al Territorio Daniele Olivi, ai lavori pubblici Rossana Montecchiani, i dirigenti degli Uffici Urbanistica, Ambiente e Igiene Urbana del Comune di Jesi e il dott. Piergiorgio Carrescia, dirigente del servizio ambiente della Provincia di Ancona.

Ai tecnici è toccato il compito di spiegare quello che si sta compiendo in questi mesi, vale a dire uno studio che ricomprende 14 aree del territorio provinciale non sottoposte a vincolo ambientale - tra cui quella di Polverigi ai confini con Mazzangrugno - che in astratto potrebbero essere sedi di un impianto di smaltimento dei rifiuti per il bacino 1 di Ancona-Osimo. La graduatoria finale verrà realizzata, a cura dell'Università di Ancona, attraverso una formula matematica che incrocia una serie di dati e parametri (residenzialità, qualità dell'ambiente agrario, ecc.) che i vari Comuni stanno fornendo alla Provincia.

Il dibattito che ne è seguito ha evidenziato la preoccupazione dei cittadini, già organizzati in un Comitato, che hanno sottolineato l'importanza di salvaguardare l'ambiente agricolo, le bellezze naturali, gli interventi economici effettuati da operatori che hanno investito a Mazzangrugno proprio per le sue qualità naturalistiche, non dimenticando il fatto che in passato la frazione ha già pagato la presenza di una discarica.

L'assessore Daniele Olivi, dal canto suo, ha assicurato che si farà garante sia della massima trasparenza e della correttezza della procedura in atto, sia di portare nelle sedi preposte le legittime preoccupazioni dei residenti di Mazzangrugno che sono a tutti gli effetti cittadini di Jesi e pertanto pronti a trovare nella circoscrizione e nell'Amministrazione comunale sostegni forti e convinti alle loro aspettative.

Olivi ha ricordato inoltre come, non appena ricevute in agosto sia la lettera della Provincia che chiedeva i dati sul territorio sia la petizione dei cittadini di Mazzangrugno, la Giunta comunale aveva affrontato il problema nella prima seduta utile dopo la pausa estiva ed aveva scritto a fine agosto alla Provincia per fissare un incontro che si è poi tenuto l'11 settembre. Nel corso di detto incontro gli amministratori comunali avevano evidenziato, oltre a quanto poi emerso nell'assemblea di ieri, il forte impatto ambientale che una simile ipotesi può avere nel territorio.

L'Amministrazione comunale

Jesi, 5 ottobre 2002

XHTML 1.1 valido CSS valido Dichiarazione di accessibilità