Regolamento comunale

Istituzione consulta comunale del turismo


Pubblicato su: Albo Pretorio del Comune

Approvato con delibera di C.C. n. 106 del 01/08/2013



ART. 1 – ISTITUZIONE
Il Comune di Jesi riconosce il turismo come attività fondamentale per lo sviluppo dell’Ente e intende promuovere e sostenere ogni iniziativa atta a valorizzare tale materia.
Ai sensi di quanto previsto dall'art. 4 dello Statuto, il Comune:
ispira la propria azione all' "affermazione dei valori ambientali e paesaggistici del territorio, con l'assieme del suo patrimonio storico e artistico, beni essenziali della comunità" (comma 2, lettera d);
finalizza la sua azione al "rilancio del turismo, collegato alla valorizzazione della produzione artigianale e alla promozione dei prodotti agricoli, nonché alla fruizione del patrimonio artistico e culturale della zona" (comma 3, lettera l).
Per raggiungere tali scopi ed in attuazione di quanto previsto dall’articolo 16, commi 2 e 3 lettera c) dello Statuto Comunale e dall'art. 23 del Regolamento sugli istituti di partecipazione e consultazione dei cittadini, è istituita la Consulta Comunale del Turismo.

ART. 2 – FINALITA'
La Consulta del turismo ha le seguenti finalità:
1. contribuisce alla definizione degli obiettivi e dei programmi sul turismo di competenza dell’Amministrazione Comunale;
2. suggerisce all’Amministrazione Comunale iniziative ed attività mirate alla crescita del Turismo;
3. formula proposte all’Amministrazione Comunale per la realizzazione ed il miglioramento delle attività turistiche;
4. favorisce e promuove incontri volti a incrementare le attività turistiche.

ART. 3 – ORGANI
E' organo della Consulta l'Assemblea Generale.

ART. 4 – ASSEMBLEA GENERALE
L’assemblea generale della Consulta del Turismo è composta dai seguenti membri:
1. Sindaco o suo delegato, che la presiede;
2. Assessore al Turismo
3. Consigliere comunale con delega al Turismo
4. Consigliere comunale di minoranza
5. due rappresentanti della CGIA
6. due rappresentanti della CNA
7. due rappresentanti della FEDERALBERGHI
8. tre rappresentanti dei B&B
9. due rappresentanti degli Agriturismi
10. un rappresentante dell'organo gestore dell'Ostello di Villa Borgognoni
11. un rappresentante del Fondo Ambiente Italiano
12. un rappresentante dell'Archeoclub
13. un rappresentante del Touring Club
14. due rappresentanti delle Agenzie turistiche cittadine
15. un rappresentante delle Guide Turistiche
16. due rappresentanti della Confcommercio
I componenti dell’Assemblea Generale, di cui ai numeri da 5 a 16 verranno designati dalle organizzazioni di appartenenza.

ART. 5 – CONVOCAZIONI
L’Assemblea generale si riunisce, convocata dal Presidente, a mezzo lettera e/o con idonei altri mezzi di comunicazione, con preavviso non inferiore a 7 giorni.

ART. 6 – SVOLGIMENTO SEDUTE
Per ogni seduta, unitamente alla convocazione, dovrà essere comunicato a tutti i membri anche un apposito ordine del giorno nel quale dovranno essere indicati gli argomenti da trattare. L’Assemblea si riunisce, discute e vota, sugli argomenti posti all’ordine del giorno. Il Presidente può invitare alle riunioni dell’Assemblea rappresentanti di istituzioni, enti, associazioni che abbiano specifico interesse sull’argomento in discussione.

ART. 7 - VALIDITA' DELLE SEDUTE
In prima convocazione le sedute dell’Assemblea si intendono valide in presenza della metà + uno dei membri con diritto di voto.
In seconda convocazione (indetta nella stessa giornata) le sedute si intendono valide in presenza di un qualsiasi numero dei membri con diritto di voto.

ART. 8 – VOTAZIONE
L’Assemblea approva le proposte a maggioranza dei presenti con diritto di voto ed in caso di parità, prevale il voto espresso dal Presidente.

ART. 9 – PARERI
La Consulta esprime i pareri non vincolanti su atti di programmazione e regolamentazione del settore turismo nonché su progetti di studio e di ricerca in materia di turismo, su richiesta dell'Amministrazione.

ART. 10 – SEDE CONSULTA
La sede della Consulta del Turismo è presso la Residenza Municipale. L'Assemblea di regola si riunisce presso la Residenza Municipale.

ART. 11 – DURATA DELLA CONSULTA
La Consulta del Turismo resta in carica per la durata del Consiglio Comunale.

ART. 12 – FUNZIONI DELLA SEGRETERIA
Le funzioni di Segreteria dell’organo della Consulta Comunale del Turismo è svolta da un dipendente dell'Ufficio addetto al Turismo, delegato dal Dirigente.

ART. 13 – ESCLUSIONE DEI COMPENSI
La partecipazione alla Consulta comunale è gratuita. Non sono corrisposti rimborsi per la collaborazione ai lavori, per la presenza alle riunioni e per l'assunzione di incarichi.

ART. 14 - DISPOSIZIONI FINALI
Per quanto non previsto dal presente regolamento, si rinvia alle normative e disposizioni in materia in quanto applicabili e compatibili con la natura del presente atto ed in particolare al D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 nonché allo Statuto Comunale.

XHTML 1.1 valido CSS valido Dichiarazione di accessibilità