Il futuro del centro storico di Jesi

Con Massimo Bacci e Alfredo Benigni

Modera il giornalista Gianni Moreschi

Il centro storico di Jesi è stato oggetto di molti interventi che hanno cambiato la fruibilità con accessi più efficaci e con la riorganizzazione e ammodernamento di contenitori anche storici.

Il recupero delle ex carceri, la sistemazione al piano terreno della biblioteca nel palazzo della Signoria, l’acquisizione del museo Stupor Mundi e la sistemazione della statua dell’imperatore Federico II all’interno delle mura, la riqualificazione dell’enoteca regionale. In sintesi sono molti gli interventi effettuati, rendendo il centro più bello e accessibile. Ora si è di fronte a nuovi progetti come la sistemazione della viabilità.

La città è ancora un cantiere aperto anche dopo l’ultima realizzazione importante e cioè la sistemazione di Piazza Pergolesi.

Le preoccupazioni dei commercianti del centro non sono del tutto svanite. Ora tiene banco la questione della rivitalizzazione del centro con locali ed iniziative. La città in realtà è più viva che in passato, ma la crisi e la concorrenza preoccupano.

Gli ultimi lavori ne hanno cambiato la fruibilità, giovani e turisti vengono a Jesi, questo significa recuperare fatturato e vendite?

Con i commercianti del centro storico si cercheranno di individuare delle soluzioni o delle prospettive. Come sempre la Fondazione anima un dibattito che, si spera, possa diventare una voce da sentire/seguire per scelte future.

Sarà un confronto aperto a tutti i cittadini ed agli operatori economici.

Il futuro del centro storico di Jesi

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy