Regolamento per il riconoscimento e conferimento di civiche onorificenze e benemerenze

 

  • Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 31 del 25.02.2021

Articolo 1 – Oggetto

1. Il presente regolamento disciplina la concessione della Cittadinanza Onoraria e delle Civiche Benemerenze a cittadini italiani e stranieri, senza distinzione di nazionalità, di razza, di sesso e di religione, che con il loro impegno per il dialogo fra popoli e culture diverse, per la difesa delle libertà fondamentali dell’individuo, per la salvaguardia dell’ambiente e del pianeta, per la ricerca in campo medico e scientifico e per il progresso umano si siano particolarmente distinti, conseguendo traguardi prestigiosi a livello nazionale e/o internazionale, divenendo esempio e riferimento per la comunità di Jesi, così da indurre la città a ritenersi onorata di  annoverarli fra i propri cittadini.

2.   Tali   istituti   costituiscono   un   riconoscimento   onorifico   per   chi   si   sia   distinto particolarmente   nel   campo   delle   scienze,   della   ricerca,   delle   lettere,   delle   arti, dell’industria, del commercio, del lavoro, della scuola, dello sport, della solidarietà, con iniziative di carattere sociale, filantropico, educativo, assistenziale, artistico-culturale, od in opere, imprese, realizzazioni, prestazioni finalizzate a promuovere la conoscenza e la valorizzazione della realtà socio-economica, storico-artistica e umana della nostra terra, od in azioni di coraggio, di abnegazione civica e di alto valore a vantaggio della comunità di Jesi, promuovendo i valori umani della solidarietà, dell’amore, dell’aiuto al prossimo e della convivenza sociale attraverso una generosa e disinteressata dedizione alla gestione politica ed amministrativa di istituzioni pubbliche e private.

Articolo 2 - Modalità di conferimento della Cittadinanza Onoraria

1. La Cittadinanza Onoraria viene conferita nel corso di una cerimonia ufficiale, alla presenza del Consiglio Comunale convocato in seduta ordinaria o appositamente convocato  in  seduta  straordinaria,  di  cui  peraltro  si  può  decidere  sia  data  ulteriore pubblicità rispetto a quella prevista per la convocazione del Consiglio Comunale, nei modi ritenuti più opportuni per l’iniziativa, mediante la consegna da parte del Sindaco o di un suo delegato, in nome e per conto della comunità di Jesi, di una medaglia e di una pergamena che attesta l’iscrizione simbolica, di coloro i quali non iscritti all’anagrafe del Comune di Jesi, si siano particolarmente distinti nei campi e per le attività di cui al precedente Articolo 1, conseguendo traguardi prestigiosi a livello nazionale e/o internazionale, e che la Città si ritenga onorata di annoverare fra i propri cittadini per gli alti meriti conseguiti.

2. La Cittadinanza Onoraria è conferita con deliberazione del Consiglio Comunale, con maggioranza dei 2/3 dei Consiglieri aventi diritto.

3. L’atto di conferimento dovrà contenere l’indicazione delle ragioni e delle motivazioni per cui viene conferito l’istituto: la deliberazione dovrà riportare, oltre a tali motivazioni, la biografia del beneficiario.

4. La Cittadinanza Onoraria non influisce in alcun modo sulla posizione anagrafica del beneficiario.
5. La proposta di attribuzione di Cittadinanza Onoraria, completa di riferimenti biografici, motivazioni e di ogni altra indicazione utile allo scopo, può essere avanzata al Sindaco da qualsiasi Ente, Associazione, Istituzioni o singolo cittadino, che non abbia rapporti di parentela fino al IV grado con il candidato.
La proposta di attribuzione di cittadinanza onoraria può essere avanzata dal Sindaco sentita la Giunta Comunale.
La proposta di conferimento viene rimessa all'Ufficio di Presidenza allargato ai Capigruppo consiliari appositamente convocato, che ne valuta la rispondenza ai criteri fissati dal presente regolamento ed esprime un parere motivato da inoltrare al Consiglio Comunale per l’approvazione definitiva.

6. Il numero massimo di Cittadinanze Onorarie, conferibili dalla Città di Jesi, è stabilito in due all’anno.

Articolo 3 - Registro delle concessioni

1. E’ istituito un Registro delle concessioni, nel quale sono iscritti coloro cui è stata conferita la Cittadinanza Onoraria.

2. L’iscrizione avviene in senso cronologico di conferimento.

3.  Il  Registro  dovrà  indicare  i  dati  anagrafici  degli  interessati  e  gli  estremi  dei provvedimenti di concessione della cittadinanza, a cura del Servizio Relazioni Esterne del Comune di Jesi.

4. Il Registro verrà conservato con il dovuto prestigio del caso nell’Ufficio del Sindaco.

Articolo 4 - Cittadini Onorari

1. Il Comune, in occasione di particolari ricorrenze o cerimonie ufficiali, può invitare a parteciparvi i cittadini Onorari, i quali avranno diritto di prendere posto fra le Autorità.

Articolo 5 - Civica Benemerenza

1. Il Comune di Jesi istituisce speciali segni di benemerenza destinati a premiare le persone e gli enti che si siano particolarmente distinti nei campi e per le attività di cui al precedente Articolo 1, conseguendo quei traguardi di prestigio, a livello nazionale e/o internazionale, che danno lustro alla città.
2. Le Civiche Benemerenze assumono le seguenti forme: Attestato di Cittadinanza Benemerita – con apposita pergamena , in cui vengono indicate
le motivazioni e la data di attribuzione della benemerenza, riservata ad istituzioni, enti, associazioni od analoghi;
Attestato di Cittadino Benemerito – con apposita pergamena, in cui vengono indicate le motivazioni e la data di attribuzione della benemerenza, riservata alle persone fisiche, anche alla memoria.

3. Agli Attestati di cui al comma 2 si aggiunge il conferimento di una medaglia, in cui risulta rappresentato lo stemma del Comune con la dicitura “Comune di Jesi” e l’incisione (sul retro) del nome della persona o dell’ente benemerito, con la data di attribuzione della benemerenza.

4. Le Civiche Benemerenze devono riguardare classi e settori diversi, come da Articolo 12 che segue, e sono conferite mediante solenne celebrazione da effettuarsi nella prima seduta utile del Consiglio Comunale.

5. Il numero massimo di Civiche Benemerenze, conferibili dalla Città di Jesi, è stabilito in due all’anno, salvo quanto previsto dal successivo comma 6. Non rientrano nel computo le Civiche Benemerenze assegnate annualmente a Donatori di Sangue e di Organi su segnalazione delle Associazioni di settore.

6.  Al  Sindaco  spetta  ogni  anno  la  decisione  sul  conferimento  di  una  terza  Civica
Benemerenza, sentita la Giunta.

7. E’ prevista anche la concessione di speciali attestati per significare la riconoscenza della cittadinanza jesina per l’opera svolta da personaggi caratteristici locali, da istituzioni, associazioni, enti e società nelle varie attività economiche, sociali, assistenziali, culturali, formative, sportive, nonché per elevati atti di coraggio e di abnegazione civica.
Gli attestati, costituiti da apposita pergamena in cui viene data esplicita menzione di meriti, attitudini, attività ed esperienze che sono alla base della civica riconoscenza, non possono superare, annualmente, il limite di cinque.

8.  Gli  attestati  di  cui  al  punto  7  vengono  conferiti  dal  Sindaco,  sentito  l'Ufficio  di Presidenza,  che  si  esprime  a  maggioranza,  su  proposta  delle  Consulte  presenti  e costituite a Jesi, che annualmente, nei tempi previsti dal bando di cui all’art. 8, indicano ciascuna un nominativo, da sottoporre al Sindaco, di una persona meritevole o che si sia distinta in campo od ambito sportivo, che si sia prodigata in concreto nell’ambito delle pari opportunità,  che si sia impegnata per la pacifica convivenza,  che si sia distinta in ambito o campo culturale e turistico, e nel mondo dei giovani e della scuola.

Articolo 6 - Ambasciatore di Jesi

1. L’Ambasciatore di Jesi costituisce una particolare onorificenza destinata a persone residenti e non residenti nel Comune di Jesi, le cui attività e storia personale le rendono fortemente legate al territorio jesino, e tali da caratterizzarle e rappresentarle in maniera particolarmente significativa: i traguardi conseguiti, di assoluto prestigio e di ampia ed indiscussa importanza a livello nazionale e/o internazionale, l’esempio e l’alto riferimento sono i segni distintivi che inducono la Città di Jesi a ritenerle meritevoli di essere accostate al nome della città ed a rappresentarne con onore la comunità intera, in Italia e nel Mondo.
2. Il titolo di Ambasciatore è conferito con deliberazione del Consiglio Comunale, con maggioranza dei 2/3 dei Consiglieri aventi diritto.

Articolo 7 - Bando

1. Il Servizio Relazioni Esterne dovrà pubblicare il bando per la presentazione delle proposte di concessione delle pubbliche benemerenze entro il 30 marzo di ogni anno, e dovrà darne comunicazione agli organi di stampa.

Articolo 8 - Soggetti proponenti

1. Le proposte di concessione delle pubbliche benemerenze, contenenti la motivazione e gli altri elementi utili alla loro valutazione, possono essere inoltrate entro e non oltre il 30 aprile di ogni anno da qualsiasi Ente, Associazione, Istituzioni o singolo cittadino che, per loro conoscenza diretta, siano in grado di sottolineare le attività ritenute degne di essere pubblicamente riconosciute ai fini di cui all’art. 1 del presente regolamento. Non è consentita la presentazione di proposte da parte di chi abbia rapporti di parentela fino al IV grado con il candidato alla pubblica benemerenza.

2. Il responsabile del Servizio Relazioni Esterne è individuato come responsabile del procedimento amministrativo.

3. Il Servizio Relazioni Esterne provvede alla loro istruttoria, corredandole di ogni altro utile elemento informativo, comprendente l’eventuale precedente concessione di altra benemerenza.

4. Le proposte di candidatura così istruite sono valutate dall'Ufficio di Presidenza allargato ai Capigruppo consiliari, presieduto dal Presidente del Consiglio Comunale ed alla presenza del Sindaco. Detto organismo ha la facoltà di accoglierle/non accoglierle, dandone motivazione.

5. Per il conferimento di civiche benemerenze per le quali non sia possibile seguire le procedure dell'Articolo 5 e del presente Articolo 8, si rimanda a quanto stabilito al comma
5° dell'Articolo 2.

Articolo 9 - Modalità di conferimento delle Civiche Benemerenze

1. La concessione delle Civiche Benemerenze è deliberata dal Consiglio Comunale, con maggioranza dei 2/3 dei Consiglieri aventi diritto, al quale sono trasmessi gli atti istruttori di concessione con parere conclusivo.

Articolo 10 - Albo d’onore

1.  E’  istituito  un  solenne  registro  comunale  denominato  "Albo  d’Onore  delle  Civiche Benemerenze".

2. Le Civiche Benemerenze sono consegnate agli interessati unitamente ad un certificato, sottoscritto dal Sindaco, recante un numero progressivo corrispondente a quello riportato sul registro di cui sopra.

3. Nel caso di rinuncia alla Civica Benemerenza non sarà dato corso alla registrazione: qualora la registrazione sia già avvenuta, il Consiglio Comunale procederà alla revoca della concessione, annotandola sul Registro.

Articolo 11 - Revoca della Civica Benemerenza

1.  La  concessione  della  Civica  Benemerenza  può  essere  revocata  dal  Consiglio Comunale, con lo stesso “quorum” previsto per la concessione, previo parere dell'Ufficio di Presidenza, allargato ai Capigruppo consiliari, di cui all’Articolo 8 che precede, qualora il soggetto insignito si renda colpevole di fatti tali da far venire meno le motivazioni che ne hanno suffragato il conferimento.

Articolo 12 - Classificazione delle Civiche Benemerenze

1. Le Civiche Benemerenze di cui al precedente articolo sono classificate nelle seguenti classi:

Classe I Benemerenze per le Scienze, Lettere ed Arti:

a) Benemeriti nel campo delle Scienze (tecniche, giuridiche, mediche)
b) Benemeriti nel campo delle Arti Figurative
c) Benemeriti nel campo delle Lettere (critici, storici, giornalisti)
d) Benemeriti nel campo della Musica e dello Spettacolo

Classe II Educatori

Classe III Lavoratori, Industriali, Operatori Economici ed Animatori di Istituzioni Cittadine:
a) Lavoratori, Industriali ed Operatori Economici
b) Promotori, Animatori e Dirigenti di Istituzioni culturali ed artistiche
c) Promotori, Animatori e Dirigenti di Attività o Associazioni sportive ed Atleti di rilievo Classe IV Mecenati, Filantropi e Benemeriti nelle varie attività Sociali ed Assistenziali Classe V Enti, Istituzioni ed Associazioni Jesine (od analoghi)

Classe   VI   Collaboratori   dell’Amministrazione   Comunale   (consulenti,   funzionari   o dipendenti esterni od interni, membri di commissioni, ecc.)

Classe VII Benemeriti per atti di coraggio, per particolari manifestazioni di amore verso la Città

Classe VIII Promotori di nuove iniziative che abbiano contribuito allo sviluppo della Città.

Articolo 13 - Disposizioni finali

1. Tutti gli oneri riguardanti l’attività disciplinata dal presente regolamento relativi alla cerimonia di conferimento della Cittadinanza Onoraria sono assunte a carico del bilancio comunale e rientrano nell’ambito delle spese di rappresentanza del Servizio Relazioni Esterne.

Articolo 14 - Entrata in vigore

1. Il presente regolamento entra in vigore contestualmente all’esecutività della deliberazione con la quale è approvato.

2. Il presente regolamento abroga e sostituisce le precedenti norme regolamentari che disciplinano il conferimento delle Civiche Benemerenze e della Cittadinanza Onoraria.

Regolamento per il riconoscimento e conferimento di civiche onorificenze e benemerenze

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy